Salute digitale & Telemedicina

Telemedicina: la prossima “Big thing”

Telemedicina e salute digitale: due settori in crescita che in futuro potranno aiutare a contenere le spese di ospedalizzazione e a monitorare al meglio la salute dei pazienti.

Digitare sintomi o patologia sul cellulare e trovare la cura in tempo reale. Non pare più essere una realtà così lontana. Questo perché telemedicina e salute digitale sono in continua crescita, tanto che ad oggi valgono ben 15 miliardi di dollari. E il loro valore è destinato a raddoppiare entro il 2020.

Medicine doctor hand working with modern computer interface as medical concept

Bisogna tenere conto anche del fatto che con il costante invecchiamento della popolazione mondiale (nel 2050 ci saranno due miliardi di anziani per una popolazione di quasi 10 miliardi) e il conseguente aumento di patologie croniche, stanno aumentando anche i costi dell’ospedalizzazione, che andranno a pesare sulle spalle dei cosiddetti millenials.

Ed è a questo punto che la telemedicina dovrebbe entrare in gioco e dare una mano, limitando i posti occupati negli ospedali e non facendo salire alle stelle i costi dell’ospedalizzazione.

In aggiunta a questo aspetto, più economico, ce n’è anche uno più pratico che riguarda i medici. Perché grazie ai dati che le piattaforme di telemedicina consentiranno di incamerare, la gestione e l’analisi della salute dei pazienti risulterà facilitata. E magari aiuterà a trovare nuove risposte terapeutiche.

Una panoramica completa la trovate qui.