Smartphone

Il tuo smartphone dice di te molto più di quanto pensi

Se sei uomo o donna, se passi più tempo all’aria aperta, che cibi preferisci e qual è il tuo stato di salute. Sono solo alcune delle informazioni che il tuo smartphone può fornire se si analizzano le particelle e i residui lasciati su di esso.

Il tuo smartphone può rivelare tante cose sulle tue abitudini: se sei uomo o donna, se ti tingi i capelli, che tipo di cosmetici usi e perfino se preferisci il vino o la birra. E tutto senza bisogno di accedere alla memoria del telefono.

smartphoneAllora come? Semplice, analizzando i residui (particelle di pelle, sporco, unto, batteri ecc.) lasciati sullo smartphone. L’esperimento è stato fatto a San Diego e i risultati sono stati pubblicati sul  Proceedings of the National Academy of Sciences.

Lo studio ha analizzato i residui provenienti da 39 smartphone raccogliendoli da quattro punti del cellulare e da otto della mano destra del proprietario. In totale sono stati raccolti circa 500 campioni, poi analizzati con lo spettrometro di massa: le molecole individuate sono state comparate con un database per identificarne la provenienza. E i risultati sono stati sorprendenti: gli autori dello studio hanno potuto definire, oltre al sesso dei partecipanti e alcune delle loro abitudini alimentari, anche se trascorrevano la maggior parte della giornata all’aperto. Addirittura, sono riusciti pure a stabilire quale fosse il loro stato di salute.

Secondo il primo autore dello studio, Pieter Dorrestein, questa tecnica, una volta affinata, potrà essere impiegata anche in campo forense, per delineare, ad esempio, il profilo di un sospettato; oppure in ambito medico, per valutare l’aderenza terapeutica o l’esposizione a sostanze tossiche.

Per ulteriori dettagli, cliccate qui.