DPad e DPocket: i tablet per persone con autismo e deficit cognitivi

DPad e DPocket sono tablet pensati per “dare voce” ai bisogni di coloro che soffrono di autismo, afasia, deficit cognitivi o motori e patologie neurodegenerative.

DPad e DPocket (la versione mini) sono tablet pensati per adulti e bambini che soffrono di autismo, afasia, deficit cognitivi o motori, patologie neurodegenerative come Sla o Sma. Li aiutano a comunicare meglio i loro bisogni a scuola o al lavoro.

DpocketSono stati presentati dal distributore Sapio Life e da HelpyLife Technolgies in occasione di Exposanità, in programma a Bologna da oggi 18 maggio fino a sabato 21 maggio 2016.

I dispositivi integrano le caratteristiche dei comunicatori vocali con quelle di un tablet che coinvolge tatto, vista e udito degli utenti, facile da usare e trasportare, leggero e maneggevole. Sono utilizzabili anche con i sistemi di puntamento oculare e impiegano il nuovo software Dialogo Aac, che consente di creare tabelle, strutture e libri comunicativi attingendo da una libreria di immagini, anche animate, per facilitarne la selezione.

Per coloro che soffrono di patologie neurodegenerative come Sla o Sma esiste invece Dialog 3.0, un dispositivo dotato di eyetracking che si può utilizzare in modo diverso in funzione della progressione della disabilità: tramite touch-screen quando la mobilità̀ degli arti superiori non è̀ compromessa; con sensori quando sono presenti movimenti residui di braccia e mani; con software di tracciamento dei movimenti del capo quando non c’è più mobilità degli arti superiori; attraverso puntamento oculare quando rimane solo il movimento degli occhi.

Tutti i dettagli qui.

American Chamber of Commerce in Italy