Telemedicina

Cuore e glicemia: sotto controllo grazie alla telemedicina

La telemedicina non è più solo un miraggio. Questo strumento ha già trovato applicazione concreta per pazienti con problemi cardiaci e di diabete. Con ottimi risultati.

All’Istituto Auxologico di Milano, all’Asl To2 a Torino e a Bari hanno già iniziato a utilizzare la telemedicina con ottimi risultati. Infatti, grazie a questo strumento, sono diminuite le corse in ospedale e i ricoveri d’urgenza.telemedicina

A Milano ai pazienti con insufficienza cardiaca cronica media e grave, dopo le dimissioni, è stato dato un apparecchio
 portatile per elettrocardiogramma il cui tracciato viene inviato tramite computer o cellulare direttamente al reparto.

A Torino, invece, la telemedicina è stata usata per seguire i pazienti dopo un ictus criptogenetico, quel tipo di ictus con più alta probabilità di ricaduta. Ai cento pazienti monitorati nell’arco di un anno, è stato impiantato un dispositivo sotto pelle all’altezza
del torace, in grado di monitorare il battito cardiaco e allertare immediatamente i medici in caso di fibrillazione atriale.

Infine, a Bari, il monitoraggio della salute dei pazienti è stato utilizzato anche per chi soffre di diabete: i dispositivi, applicati ai pazienti in ambulatorio, sorvegliano i livelli di glicemia per diversi giorni. Dai dispositivi, le informazioni vengono man mano caricate sullo smartphone o sul computer del paziente via bluetooth e da lì arrivano al computer del centro ospedaliero. In questo modo, anche a distanza, è possibile cambiare, alla bisogna, il dosaggio o il tipo di farmaco. Il vantaggio è che si può prevenire il rischio di ipoglicemie e di pericolose complicanze.

Ulteriori dettagli potete trovarli cliccando qui.