Come costruire in Rete Relazioni di Valore?

Comunicazione e Salute sui Social Network

Digital PR sta per Digital People Relations. Value Relations instaura relazioni di valore con ciascuno degli interlocutori che possano contribuire al raggiungimento degli obiettivi, attarverso la selezione e l’engagement di influencer, blogger, media e stakeholder digitali.

Digital_Blog_Relations

 

Dal punto di vista della comunicazione, con il web 2.0 e i Social Network, non cambiano solo gli strumenti, il paradigma e le strategie: cambia tutto, salvo la centralità dei contenuti e l’importanza di padroneggiare i languaggi.

Le Digital PR non sono le pubbliche relazioni tradizionali, soltanto “trasferite” sulla Rete: non lo sono rispetto alla logica che presiede questo tipo di attività (la sostanza, potremmo dire), e nemmeno quanto alla loro estrinsecazione (gli strumenti, il linguaggio: in qualche modo “la forma”).

C’è una curiosità sul significato della parola composta – Digital PR – che forse spiega questa trasformazione meglio di qualunque analisi complessa e fumosa: Digital PR non sta per “Pubbliche Relazioni digitali”, ma per Digital People Relations. Il pubblico, col web, si è incarnato nella singolarità delle persone che costituiscono i terminali fisici, umani, della Rete.

Il pubblico ascolta. Poi applaude o fischia, ritorna o se ne va. Le persone invece interagiscono, si informano, intervengono.

Nel mondo dell’Healthcare, più che mai, le persone sono protagoniste. Perché appartiene a loro la salute della quale si parla, e senza di loro nessun intervento sarebbe possibile: né preventivo, né diagnostico, né terapeutico.

Per questo, al tempo del web 2.0, le interazioni e le risposte del pubblico – cioè le “passioni” delle persone – contano più di ogni analisi di mercato, più di ogni calcolo e più di ogni proiezione.

Quando ciascuno, dal pubblico, può alzarsi e dire la sua – potenzialmente riuscendo ad aggregare il consenso di milioni di altri utenti – allora il mercato non lo sposta più – riduttivamente – il rapporto fra domanda e offerta. Lo spostano anche – e forse soprattutto – le inclnazioni, le impressioni, i gusti, le percezioni… le idee delle persone. I servizi di Digital PR mirano a instaurare una relazione di valore con ciascuno di questi interlocutori, e non importa che si parli di prodotti, di patologie, di strutture sanitarie o di aziende. Quel che conta, come sempre, è essere padroni dei contenuti e consapevoli della peculiarità dei linguaggi. Nel caso del Digitale, lo specifico della comunicazione è che ogni messaggio finisce quasi sempre per rivelarsi oggetto di un dialogo. Così mittente e destinatario si confondono, e l’arte della persuasione si rivela consistere nella capacità di condividere e far condividere l’obiettivo della comunicazione.